L’8 e il 9 ottobre a Modena, cuore della “Biomedical Valley” italiana, 25 tra le start-up italiane piu’ innovative del settore biomedicale parteciperanno alla ‘Start-up Academy’, contest in programma a Modena Fiere in occasione del MEDTEC Italy, la maggiore piattaforma italiana d’incontro per l’intera catena di produzione dei dispositivi medicali.

A Modena si ritroveranno espositori nazionali e internazionali che presenteranno le soluzioni piu’ innovative e attuali del settore relativamente a materiali, componenti, elettronica, macchine di assemblaggio, tecnologie di produzione e servizi di supporto applicate a qualsiasi specialita’ medica.

E quindi: medicina cardiovascolare, ortopedia, radiologia e imaging medicale, assistenza d’urgenza, chirurgia, anestesiologia, medicina polmonare, assistenza domiciliare, medicina sportiva e riabilitativa. In due giorni di fiera il MEDTEC proporra’ un intenso programma di conferenze e incontri focalizzato principalmente sul tema dell’innovazione. Le societa’ che parteciperanno alla Start-Up Academy saranno valutate da un comitato composto da esperti e stimati professionisti nel settore e alle 6 che verranno giudicate piu’ meritevoli verra’ assegnato uno stand espositivo gratuito a MEDTEC Europe (Stoccarda, 21-23 aprile 2015), dove poter incontrare potenziali partner per le proprie attivita’ commerciali. Le start-up presenti a MEDTEC Italy verranno suddivise in tre categorie che corrispondono ciascuna a un diverso stadio della loro attivita’. Quella per progetto pilota e’ riservata a start-up che hanno gia’ individuato le opportunita’ commerciali del proprio prodotto, dimostrando di aver individuato una soluzione in grado di rispondere a una o piu’ richieste tecniche e mirata a soddisfare un’esigenza medica in larga misura ancora non soddisfatta. In questa fase si valuta l’acquisizione di diritti di proprieta’ intellettuale sul dispositivo, la ricerca del potenziale mercato e il probabile beneficio clinico che il prodotto potrebbe offrire ai pazienti. Quella relativa a progettazione e sviluppo e’ per le start-up che in questa fase si concentrano sul raggiungimento degli stadi iniziali e preclinici di sviluppo, come la risposta a una richiesta di prodotto o mercato, il riesame del progetto, il prototipo d’ingegnerizzazione, il congelamento del progetto e la valutazione e validazione a livello preclinico e clinico.
Infine, capitolo commercializzazione di successo: le start-up in questo stadio si occupano del posizionamento sul mercato, dell’espansione del proprio portafoglio di prodotti, della costituzione di un’efficace rete di distribuzione e dell’attuazione delle migliori strategie per l’espansione internazionale.

Fonte: agi.it