[...] Nel corso del tempo, questo distretto ha saputo crescere – riuscendo a rialzarsi dopo il terribile terremoto del 2012 – e internazionalizzarsi, anche grazie all’apertura nei confronti di capitali stranieri, concretizzatesi in una serie di fusioni e acquisizioni, che hanno avuto per protagonisti in prevalenza gruppi tedeschi e anglosassoni. Per saperne di più, si può leggere il libro Dal garage al distretto. Il biomedicale mirandolese (di Franco Mosconi e Fabio Montella, Il Mulino, 2018) e consultare il sito www.distrettobiomedicale.it.i

leggi il resto dell’articolo originale su borsaitaliana.it