Consobiomed, dopo 24 anni di presenza e di  iniziative sul territorio del distretto di Mirandola , è destinato  a terminare la sua esperienza . L’Assemblea dei Soci ha dato mandato al Consiglio di Amministrazione di  avviare le procedure per la assemblea straordinaria, indetta per l’8 luglio, che deciderà la liquidazione di  Consobiomed.

 Consobiomed era nata nel 1990 come società consortile a responsabilità  limitata, senza fini di lucro, per associare piccole e medie imprese. All’origine, è stata la necessità di produrre nel rispetto delle norme internazionali a stimolare un gruppo di piccole imprese a condividere una serie di servizi, quali consulenza su sistemi di qualità aziendali e su leggi e normative del settore. In seguito, le aziende associate hanno puntato alla commercializzazione e, nel 1999, Consobiomed si è trasformato in consorzio per il commercio estero. L’attività si è pertanto orientata a potenziare gli scambi con i Paesi esteri, attraverso organizzazione di fiere, viaggi, missioni dei soci all’estero e/o di operatori stranieri in Italia.

Consobiomed fornisce, ai circa 30 soci, visibilità e supporto promozionale (fiere, catalogo, sito Internet, etc.), consulenza sui Sistemi di Qualità e marchio CE, acquisti centralizzati, associazione ad Assobiomedica, etc.

In realtà, Consobiomed ha dato supporto anche a varie aziende biomedicali locali, non solo ai propri soci: dopo il terremoto ha fornito informazioni a tutti riguardo a disponibilità di capannoni, camere bianche, etc; ha organizzato, nel 2013, 15 brevi seminari con aperitivo (Happy Hours Tecniche), su argomenti di interesse generale, che hanno avuto un grande successo.

Negli anni Consobiomed ha sempre collaborato alle iniziative di formazione dei giovani sia a livello scolastico che con centri di formazione professionale.

Decisivo è stato l’impulso di Consobiomed alla creazione di Quality Center Network, che pur con prestazioni inferiori alle attese, è stato il primo nucleo operativo per favorire la collaborazione fra aziende del distretto e strutture sanitarie ospedaliere e universitarie. Consobiomed ha voluto fortemente  la mostra permanente del Medicale, Mobimed realizzata con il Comune di Mirandola. Tale mostra viene regolarmente visitata da  molti operatori del settore sia italiani che esteri e anche da molti studenti.

In verità, possiamo affermare senza possibilità di smentita, che  Consobiomed è,  a tutt’oggi, il punto di riferimento del Biomedicale mirandolese. Vedi sitowww.osservatoriodistretti.org

Poiché le aziende associate sono principalmente piccole, Consobiomed  per far sì che i consociati  non fossero costretti  ogni anno a  versare  una cifra difficilmente compatibile con il proprio fatturato, ha usufruito dei finanziamenti che la regione Emilia Romagna  erogava ai consorzi che avevano come finalità l’internazionalizzazione. Negli ultimi 2 anni questa cifra è andata sempre diminuendo e oggi si è ridotta a 1/3 . Questo comporta un eccessivo aggravio della quota annua pagata dai consorziati  per coprire le spese che il consorzio sostiene per la gestione e per le 2 dipendenti che lavorano da tanti anni a tempo pieno in Consobiomed.

 

Questo è il motivo della fine di Consobiomed.

 

I soci di Consobiomed e il CdA hanno preso atto con rammarico che proprio nel momento in cui la  Regione mette a disposizione 4 milioni di Euro per il Tecnopolo , non si siano trovate le condizioni per garantire un futuro a Consobiomed perdendo così un ente che ha dimostrato,  nei 24 anni di vita, la capacità di affiancare le piccole e medie aziende del distretto biomedicale, nel loro percorso di crescita.

E’ un vero peccato che nessuno, Comune,  Provincia , Regione, Banche, Fondazione, consideri Consobiomed una associazione importante per la comunità mirandolese. Nonostante i nostri appelli  nessuno  si  è mosso per  garantirne la sopravvivenza o autonoma o assorbita dal Tecnopolo.

Pur augurando il migliore successo alla iniziativa del Tecnopolo, siamo convinti che le piccole e medie aziende saranno d’ora in poi senza quel punto di riferimento che le ha accompagnate per oltre 2 decenni.