Un incontro dedicato ai temi della ricostruzione nel biomedicale, una tavola rotonda composta da imprenditori e AD di aziende del distretto mirandolese, Luciano Frattini AD di Medtronic Italia, Francesco Benatti AD di BBraun Avitum Italy, Chiara Novi Responsabile di direzione di Tsunami, Giovanni Belluzzi Fondazione CRM e l’Assessore Palma Costi, una dibattito animato condotto da Ilaria Vesentini del Sole24Ore.

“Le strategie d’investimento di Medtronic in Italia confermano l’importanza da parte di una realtà americana di credere e investire nelle risorse e nel know how del nostro Paese, alla costante ricerca dell’eccellenza italiana in un settore, quale quello dei Dispositivi Medici, in cui l’innovazione deve essere vista come via  attraverso la quale garantire la sostenibilità del Sistema Sanitario”. – dice Luciano Frattini Presidente e Amministratore Delegato di Medtronic Italia durante la tavola rotonda dal titolo “Biomed: imprese, ricostruzione, mercato e sanità” promossa dalla Regione Emilia Romagna, Tecnopolo e Assobiomedica, in occasione del convegno “Distretto biomedicale, economia della ricostruzione”, in corso presso la sede del Tecnolpolo di Mirandola, che vuole fare il punto sul comparto a quattro anni dal sisma che ha colpito il territorio. “Ogni anno Medtronic investe 1,5 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo, contribuendo al miglioramento della qualità di vita di milioni di pazienti in tutto il mondo. – prosegue Frattini –  Le acquisizioni di realtà italiane come NGC, Invatec, e in particolare, Covidien e Bellco, che hanno entrambe  un sito produttivo proprio qui a Mirandola – conclude Frattini – sono la dimostrazione della volontà di Medtronic di sostenere un processo virtuoso mirato alla valorizzazione delle eccellenze italiane presenti sul territorio”.