La Delibera della Regione Emilia Romagna n. 287 del 2015 stabilisce che:

- A partire dal 31 gennaio 2016, le Amministrazioni e gli Enti di cui all’articolo 19 comma 5 lettera a) della legge regionale n. 11/2004 e s.m.i., sono tenuti ad inserire nelle procedure di gara per l’acquisizione di beni e servizi clausole che prevedano l’obbligo per i fornitori di ricevere ordini elettronici e inviare documenti di trasporto elettronici, ove previsti, attraverso il SiCiPaER,secondo le modalità previste dalle disposizioni inerenti le modalita’ per la gestione del nodo telematico di interscambio della Regione Emilia-Romagna (NoTI-ER) e per la sua utilizzazione ai sensi dell’art. 23 ter, comma 3, della l.r. n. 11/2004 e s.m.i.” approvate con delibera di Giunta Regionale n. 1484/2014;

-A partire dal 30 giugno 2016, e comunque non prima della messa a disposizione degli strumenti di cui all’articolo 5 della presente direttiva, le Aziende e gli Enti del sistema sanitario regionale emettono ordini esclusivamente in forma elettronica attraverso il SiCiPa-ER, secondo le modalità previste dalle disposizioni inerenti le modalita’ per la gestione del nodo telematico di interscambio della regione emilia-romagna (NoTI-ER) e per la sua utilizzazione ai sensi dell’art.23 ter, comma 3, della l.r. n. 11/2004 e s.m.i.” approvate con delibera di Giunta Regionale n.1484/2014.

Dal 30 giugno 2016 i fornitori degli Operatori Sanitari della Regione Emilia Romagna potranno ricevere ordini ed emettere documenti di trasporto solo se ATTIVI SULLA RETE EUROPEA PEPPOL (Pan-European Public Procurement On Line)

Saranno quindi soggette a tale obbligo le seguenti tipologie di Enti della Regione Emilia-Romagna:

gli enti e le aziende del Servizio sanitario regionale

– la Regione stessa e gli enti e gli organismi regionali

– le loro associazioni e consorzi, quali le agenzie, le aziende e gli istituti, anche autonomi

– gli organismi di diritto pubblico e le società strumentali partecipate in misura totalitaria o maggioritaria dai soggetti di cui sopra