Il 12 Marzo si celebra la Giornata mondiale del rene!

I pazienti in dialisi sono tra quelli più esposti a contrarre patologie infettive, come il Covid-19. La Società italiana di nefrologia (Sin) ha quindi steso un protocollo rivolto ai medici specialisti con le norme da seguire per la gestione di pazienti nefropatici che dovessero contrarre l’infezione da Covid-19.

Specifica la SIN: Si tratta di un protocollo proposto dalla SIN-Lombarda che riguarda la gestione del solo problema dialitico e non va ad interferire/modificare in alcun modo quelle che sono le disposizioni Ministeriali, Regionali e Aziendali al di fuori della stretta competenza dialitica – continua – Il protocollo è stato discusso e condiviso con il Prof. Paolo Grossi, Direttore della Clinica delle Malattie Infettive e Tropicali dell’Università dell’Insubria e membro della task-force ministeriale per la gestione dei problemi connessi all’infezione da coronavirus.

A questo link potete trovare il protocollo Coronavirus & Dialisi

https://sinitaly.org/wp-content/uploads/2020/02/Coronavirus-Dialisi.pdf

Una nota del portale salute.gov.it cita

È importante restare a casa perché la trasmissione dell’infezione da Covid-19 dipende dai comportamenti di ciascuno di noi e ogni gesto imprudente potrebbe nuocere alla salute delle persone più fragili. Come i pazienti affetti da malattie renali. In occasione della Giornata mondiale del rene, che si celebra il 12 marzo, la Fondazione italiana del rene (Fir), in collaborazione con la Società italiana di nefrologia (Sin) e il patrocinio del Centro nazionale trapianti, ha attivato il numero verde 800.822.515 per rispondere alle domande e ai dubbi dei pazienti nefropatici sull’emergenza coronavirus (come devono proteggersi e cosa fare in presenza di sintomi sospetti).