Anche nella situazione attuale, il nostro obiettivo principale è fornire il miglior servizio possibile, preservando allo stesso tempo la sicurezza e la salute di tutti i soggetti coinvolti (clienti, dipendenti e collaboratori).

Per far fronte alle esigenze sempre più pressanti in ambito business continuity TÜV Rheinland Italia è in condizione di offrire i servizi che venivano normalmente erogati presso il cliente, o con presenza del cliente presso le nostre sedi, anche da remoto al fine di non avere impatti su:

  • la continuità nella validità dei certificati;
  • i tempi di consegna delle merci;
  • la pianificazione delle attività.

L’attività può essere basata sia su tecnologie proposte da TÜV Rheinland che tramite piattaforme proposte dal cliente; in ambo i casi ciò è possibile anche senza hardware specifico e quindi in modalità agile e immediatamente implementabile.

In ogni caso TÜV Rheinland si fa carico di accertare l’accettabilità della metodologia “da remoto” con riferimento ai requisiti normativi, agli accreditamenti applicabili, e previa verifica col cliente finale laddove contrattualmente necessario.

Le attività svolte da remoto non prevedono ovviamente costi di viaggio e consentono una selezione della risorsa senza dover necessariamente considerare gli stessi vincoli geografici importanti per una attività on site.

Le procedure di controllo remoto possono essere applicate per la maggior parte degli schemi:

  • Audit di sistema (ad esempio ISO 9001, ISO 14001, ISO 45001, ISO 27001, UNI CEI 11352, ISO 50001, EN 9100, ISO 22000, ISO 13485, Credit and Treasury management certification).
  • Audit/Ispezioni/Test Witness in regime di cogenza (ad esempio per marcatura CE nel settore dei Dispositivi Medicali, Apparecchi a Gas, ATEX, Functional Safety, Recipienti a Pressione e Strutture Metalliche).
  • Ispezioni di seconda o terza parte in regime volontario tipicamente per materiali, componenti, apparecchiature destinati al mercato Energy&Process.
  • Ispezioni pre shipment e legate a CoC per programmi governativi di controllo alle importazioni (ad esempio verso Arabia Saudita, Kuwait, Egitto, Uganda, Etiopia, Botswana, Marocco).
  • Factory Inspection per sorveglianza della produzione con riferimento ai marchi volontari di prodotto (ad esempio marchio TÜV, GS, VSPC), schemi di certificazione internazionali (eg. CCC, Inmetro, etc) e audit previsti dai processi di omologazione componenti e veicoli settore automotive.
  • Presenza dei clienti durante attività di test presso i nostri laboratori accreditati 17025, in occasione di prove di pre-compliance e/o per set-up di prove complesse o su prodotti la cui gestione richiede una conoscenza approfondita degli stessi.

Per verificare il piano di audit/ispezione/prova dettagliato più adatto al caso specifico i clienti sono invitati a contattare i nostri tecnici o a cliccare sul seguente link.