TÜV Rheinland Italia conferma il suo percorso di crescita che, negli ultimi anni, l’ha portata ad affermarsi nel MERCATO TIC (Testing, Inspection and Certification) come una delle realtà indiscusse e protagoniste sul territorio italiano.

Dopo la chiusura positiva dell’anno fiscale 2017, ufficializzata dalla casa madre di Colonia, con un fatturato di 2,0 miliardi di euro e un EBIT di 131 milioni, TÜV Rheinland Italia continua il proprio percorso di crescita anche nel primo semestre del 2018.

Il fatturato infatti è cresciuto del 13,5% rispetto ai primi sei mesi del 2017, ed anche la marginalità percentuale ha raggiunto livelli più che soddisfacenti, base fondamentale per supportare ulteriori investimenti.

I trend di ordinato, nettamente superiori rispetto al 2017, lasciano ben sperare anche per il secondo semestre.

Tali dati trovano conferma anche nella crescita dell’organico aziendale, aumentato di circa il 30% negli ultimi 2 anni, con figure senior provenienti dal mercato ed altre junior che vengono formate in azienda.

“A trainare la crescita è sicuramente l’entusiasmo dei nostri collaboratori, su cui si basa il progetto di fondo della nostra realtà aziendale”, afferma Paolo Caglio, Amministratore Delegato di TÜV Rheinland Italia, che sottolinea come “il mix equilibrato delle competenze dei nostri esperti abbinato alla lettura del mercato in chiave prospettica, propria di un’azienda proiettata al futuro, che vanta come elemento distintivo un’età media di 40 anni, rappresentano il nostro punto di forza. I risultati raggiunti nel primo semestre dell’anno ci fanno quindi ben sperare nel raggiungimento e superamento degli obiettivi pianificati, nell’ottica di un incremento del nostro market share, traguardando per i prossimi anni nuovi ambiziosi obiettivi di sviluppo.”