Infrastrutture e impiantistica. Ma anche trasporti, settore biomedicale, energia, senza dimenticare i comparti tradizionali del “Made in Italy”, come il tessile-abbigliamento. C’è grande attenzione alla tecnologia italiana. Sono tante e diversificate le opportunità e le chance da cogliere in Vietnam, che si apre alla collaborazione delle imprese italiane.

È quanto ha confermato la missione imprenditoriale plurisettoriale che si è conclusa nel Binh Duong, provincia che del Paese asiatico è locomotiva. Nel corso della missione importanti imprese emiliano-romagnole hanno approfondito le possibilità di business attraverso operatori vietnamiti selezionati e visite alle aziende locali. A comporre il gruppo erano Cooperativa Muratori e Cementisti di Ravenna, Silfradent di Santa Sofia e Trevi Finanziaria Industriale di Cesena, Ferrarini Spa e Simet di Reggio E., oltre al sistema bancario e associativo, con Bper e Confindustria Modena. A coordinare la delegazione regionale, Unioncamere Emilia-Romagna e Promec, azienda speciale della Camera di commercio di Modena.

È stato anche inaugurato l’istituito Consolato Generale d’Italia a Ho Chi Minh City.

Fonte: GazzettadiModena